MotoGP Assen 2018 – Rossi l’unico che potrebbe ribaltare il mondiale?

Motogp-Assen-2018-Rossi-ancora-competittivo

MotoGP Assen 2018 – in vetta alla classifica rimane Marquez con Rossi a 27 punti di distanza e l’unico pronto a ribaltare questo Motomondiale. Possibile vittoria anche per i due ducatisti, si potrebbe dire che il mondiale 2018 è ancora aperto.

 

Siamo all’ottava gara del Motomondiale 2018, ovvero il Gran Premio MotoGP di Olanda, la storica ed epica pista di Assen. Dopo le due straordinarie vittorie di Jorge Lorenzo al  Gran Premio di Barcellona in Catalunya e al GP D’Italia al Mugello, il Mondiale è ancora aperto.

In Olanda, Valentino Rossi è sicuramente più vincente di tutti nonché campione in carica. Invece il tempo record della pista lo detiene Marc Marquez con 1:33:617 nel 2015.

Dal 2002, quando la MotoGP ha sostituito la classe 500, ad Assen, Valentino Rossi ha trionfato 8 volte: 2002, 2004, 2005, 2007, 2009, 2013, 2015 e nel 2017. Casey Stoner ha vinto due volte, 2008 con la Ducati e 2012 con la Honda.  Sono saliti sul primo podio una sola volta Sete Gibernau, 2003, Nicky Hayden, 2006, Jorge Lorenzo, 2010, Ben Spies, 2011, Marc Marquez, 2014 e Jack Miller, 2016.

 

Programmi e orari MotoGP – Assen 2018

Dal 2015 anche il GP d’Olanda segue i normali orari delle gare nei weekend. Il round olandese ha rinunciato tre anni fa al tradizionale format delle gare di sabato attivo dal 1925.

Domenica 1 luglio alle 08,40 – MotoGP Warm up e alle 13,00 –  Gara MotoGP

Gara spettacolare fatta di sorpassi e controsorpassi ad Assen. Alla fine riesce a passare il traguardo per primo Marc Marquez, che in partenza aveva avuto qualche esitazione.Un secondo posto più che meritato per Alex Rins e terzo Maverick Vinales. Andrea Dovizioso perde la leadership negli ultimi tre giri e scivola al quarto posto davanti al Dottore.

Con il quito posto ad Assen, Valentino Rossi mantiene il secondo posto nella classifica generale e Marquez rimane leader e allunga a 41 punti la distanza da Rossi.

MotoGP-Assen2018-vince-Marquez

 

Sabato 30 giugno alle 09,55 – Prove libere 3 e alle 14,10 le Qualifiche

Marquez conquista la prima pole della sua carriera in MotoGP ad Assen. Secondo posto nella griglia di partenza per Crutchlow. Valentino Rossi ,nonostante la caduta nelle Libere 4, completa la prima fila con il terzo tempo. 4° Dovizioso, 5° Rins, 6° Vinales, 7° Espargaro A., 8° Zarco, 9° Iannone, 10° Lorenzo.

MotoGP-Assen2018-Pole-position-Marquez

 

Venerdì 29 giugno alle 09,55 – Prove libere 1 e alle 14,05 – Prove libere 2

Concluse le prime prove ad Assen e come previsto arriva la riscossa delle Yamaha. Il miglior tempo Vinales con 1:33.378, secondo Iannone, + 0.121, terzo Petrucci, + 0.386, quarto Rossi, + 0.401, quinto Crutchlow, + 0.434, sesto Dovizioso, + 0.481, settimo Lorenzo, + 0.492, ottavo Marquez, + 0.663, nono Rins, + 0.669, decimo Zarco, + 0.755.

 

Caratteristiche e primati del Circuito di Assen – Tourist Trophy Circuit

Il circuito olandese detiene diversi primati, notevole è la prima gara del Motomondiale, nel 1949, che vidi la vittoria di Nello Pagani in due classe differenti. Un altro episodio epico è la tripletta di Jim Redman nel 1964, con il primo podio nelle classe 125, 250 e 350. Tripletta ripetuta nel 1967 dal pilota Mike Hailwood con 250, 350 e 500.

Può essere considerato un primato le vittorie della famiglia Rossi, Graziano vinse la classe 250 nel 1979 e Valentino nella stessa classe nel 1998. Da menzionare la stagione del 2013, il leggendario TT di Assen che è stato vinto da Valentino Rossi davanti a Marquez e Crutchlow.

Assen TT Circuite è l’unico dove si corre ininterrottamente dal 1949. Prima dell’inaugurazione della pista definitiva si correva sulle strade aperte al pubblico, motivo per il quale si chiama Tourist Trophy.

 

TT Assen Circuit – La Cattedrale della velocità

Il tragitto di Assen, conosciuto anche come Circuite van Drenthe (il nome della provincia dove è situato) è un impianto costruito appositamente per le due ruote. TT Circuit Assen è considerato da sempre uno dei più difficili del campionato, soprannominato anche “l’Università delle due ruote” e/o la “Cattedrale del motociclismo” /“Cattedrale della velocità”. Anche con le ultime modifiche, per garantire la sicurezza della pista, rimane una dura prova sia per le moto che per i piloti.

TT Circuite di Assen si trova a 100 km da Amsterdam, la capitale olandese. Con una lunghezza di 4542 metri e una larghezza di 14 metri e18 curve, di cui 12 a destra e 6 a sinistra e un rettilineo principale di 487 metri. La gara prevede 26 giri di pista per una lunghezza gara di 118,1 km.

 

Il titolo del Motomondiale 2018 è ancora possibile per molti piloti

La Yamaha non sale sul primo podio da 17 gare e la pista di Assen può essere quello che serve per spezzare il digiuno di vittorie. La Honda invece è la più vincente al TT Assen, 20 vittorie negli ultimi 50 anni in tutte le classe. Dal 2011 la Yamaha e la Honda si sono spartiti le vittorie ad anni alterni, l’unico che ha spezzato il connubio è stato Stoner nel 2008 con la Ducati.

Sulla pista di Assen i piloti italiani sono nettamente superiori a quelli spagnoli con 22 vittorie contro 4 vittorie della Spagna. Al secondo posto troviamo l’Inghilterra con 16 vittorie.

Contando le statistiche su questo circuito la pole non è molto importante, nelle ultime 5 gare solo una, quella di Rossi nel 2015, è arrivata dalla pole position.

Nelle ultime 3 stagioni Rossi vince due volte, 2015 e 2017, e Miller vince nel 2016. Marquez si è dovuto accontentare del secondo podio in tutte e tre le gare. 

 

Marc Marquez, domina la stagione ma la storia non è ancora scritta

Il pilota spagnolo è pronto ad affrontare il GP d’Olanda però riconosce che: “Ci sono molti piloti per i quali il titolo è ancora possibile”. Il Campione del Mondo della classe Regina resta il favorito e sicuramente il suo obiettivo è il titolo iridato. Le probabilità sono alte, il maiorchino è un vero talento della MotoGP, la sua moto è sicuramente molto competitiva e la determinazione non li manca. Forse qualche ombra di pensiero riguardo l’imminente arrivo del nuovo compagno di squadra, il connazionale Jorge Lorenzo.

Il catalano, 6 volte campione del mondo, ha vinto ad Assen in tutte le classe in cui ha gareggiato, eppure una vittoria sul tracciato olandese gli manca dal 2014. Quindi, fa bene a preoccuparsi! Nella classifica l’unico ad inseguirlo, anche se a distanza di 27 punti, l’eterno Valentino Rossi.

 

Valentino Rossi, l’eterno avversario sulle piste della MotoGP

Valentino Rossi è a dir poco il vero protagonista di questo Motomondiale anche se non domina la classifica. Con una moto chiaramente inferiore ai suoi rivali di pista, sia i piloti della Honda che quelli della Ducati sono nettamente avvantaggiati, sta superando i limiti immaginabili.

Malgrado tutte le problematiche, il 9 volte campione del mondo, è il secondo in classifica a 27 punti distanza da Marc Marquez. Valentino, più che mai questa stagione, è diventato un’icona di determinazione nella lotta per mantenere aperta la possibilità di vincere il campionato. Con la sua tenacia continua ad inseguire il suo obiettivo anche quando sulla carta non ci sono più chance e lotta con la stessa forza per mantenere il sogno. Se qualcuno si domanda ancora perché VR46 è un marchio mondiale, questa è la risposta!

Il Dottore si vede costretto a combattere con una M1 poco competitiva, suscettibile a vari condizioni come la temperatura o il poco grip sulla pista. Si è convenuto con la Yamaha che la moto dimostra un problema di elettronica che la rende inferiore alle Ducati e Honda. Questo gap abbassa le prestazioni in uscita di curva e così diventa poco affidabile. Eppure, il campione di Tavullia decide di continuare a lottare per il titolo iridato. Un’altra storia incredibile firmata Valentino Rossi.

 

Jorge Lorenzo, ha trovato la giusta quadra con la sua Ducati

Jorge Lorenzo, reduce da due vittorie straordinarie, al Mugello e al Montmelò, con la moto in ottime condizioni ed il morale alto è sicuramente un avversario da temere. Dopo aver fatto non poca fatica ad adattarsi alla nuova Desmosedici ha trovato il modo di domarla e ha vinto due gare di fila.

Il pilota spagnolo ha raggiunto il compagno di squadra, Andrea Dovizioso, nella classifica ed il pensiero della vittoria finale rifiorisce. Anche se Lorenzo e la Ducati hanno deciso di prendere strade diverse dalla prossima stagione, l’azienda di Borgo Panigale ha dichiarato che farà di tutto per sostenere Lorenzo nella corsa al titolo.

Di conseguenza, se Lorenzo continua a vincere la lotta al titolo è ancora possibile, rimangono ancora 12 gare alla fine del campionato.

 

Andrea Dovizioso, partito favorito sta pagando gli errori commessi in pista

Dopo Le Mans, il ducatista italiano ha commesso un nuovo errore anche in Catalunya ed è scivolato. Prima dell’ottava gara del Motomondiale, Dovi, conta quattro zeri, e questo lo porta al settimo posto in classifica generale con 66 punti, posto condiviso con Lorenzo ed Iannone.

Nonostante tutto, il potenziale di Dovizioso non è messo in discussione, ed Assen può essere quella prova che lo riporta sotto i riflettori.

 

Classifica piloti prima di TT Assen GP d’Olanda

PosPilotaNrNazPuntiMotoTeam
1Marquez Marc93SPA115HondaRepsol Honda Team
2Rossi Valentino46ITA 88YamahaMovistar Yamaha MotoGP
3Vinales Maverick25SPA 77YamahaMovistar Yamaha MotoGP
4Zarco Johann5FRA 73YamahaMonster Yamaha Tech 3
5Petrucci Danilo9ITA 71DucatiAlma Pramac Racing
6Crutchlow Cal35GBR 69HondaLCR Honda Castrol
7Lorenzo Jorge99SPA 66DucatiDucati team
8Dovizioso Andrea4ITA 66DucatiDucati Team
9Iannone Andrea29ITA 66SuzukiTeam Suzuki Ecstar
10Miller Jack43AUS 49DucatiAlma Pramac Racing
11Pedrosa Dani26SPA 40HondaRepsol Honda Team
12Rins Alex42SPA 33SuzukiTeam Suzuki Ecstar
13Espargaro Pol44SPA 28KTMRed Bull KTM Factory Racing
14Rabat Tito53SPA 27DucatiReale Avintia Racing
15Bautista Alvaro19SPA 26DucatiAngel Nieto Team
16Morbidelli Franco21ITA 19HondaEG 0,0 Marc VDS
17Syahrin Hafizh55MAL 17YamahaMonster Yamaha Tech3
18Espargaro Aleix41SPA 13ApriliaAprilia Racing Team Gresini
19Nakagami Takaaki30JPN 10HondaLCR Honda Idemitsu
20Redding Scott45GBR   9ApriliaAprilia Racing Team Gresini
21Smith Bradley38GBR   7KTMRed Bull KTM Factory Racing
22Kallio Mika36FIN   6KTMRed Bull KTM Factory Racing
23Abraham Karel17CZE   4DucatiAngel Nieto Team
24Luthi Tom12SWI   0HondaEG 0,0 Marc VDS
25Simeon Xavier10BEL   0DucatiReale Avintia Racing

 

Classifica Costruttori dopo la settima gara MotoGP 2018

  1. Honda       150 pt
  2. Ducati       132 pt
  3. Yamaha    124 pt
  4. Suzuki        80 pt
  5. KTM           28 pt
  6.  Aprilia       22 pt

 

 

About Miriam Tournon

Miriam Tournon ha lavorato per anni come giornalista su stampa, web, radio e TV, per seguire poi una carriera nel mondo digitale. Ha gestito progetti in tutti i settori per vari web agency ma anche campagne advertising sui motori di ricerca e social media, outbound marketing, inbound marketing, organizzazione eventi e comunicazione di impresa. Da più di 5 anni, Miriam, si dedica al content marketing nel contesto dell' Inbound Marketing e all'analisi di mercato e CRM. Attualmente è attiva nella SEO, content marketing e web marketing. La passione per lo sport e per il tennis in speciale l'ha reso un blogger di valore per Betlive5k.IT.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.